Stigliole (stigghiuola, stigghiola, stigghiuole) - Le ricette di casa mia

Alcune ricette di casa mia.........e no.........
Vai ai contenuti
Stigliole
Stigliole (stigghiuola, stigghiola, stigghiuole)
E’  un cibo da strada dell’antica cucina siciliana ed in particolare della cucina palermitana e del suo hinterland. E’ un cibo greco che si mangiava gia’ nelle citta’ greche di Sicilia nel thermopolion (l’uogo dell’agora’ dove si potevano consumare bolliti e fritture), ma che, curiosamente il nome ci perviene in latino: exitilia sono gli intestini, e extiliola e’ il diminutivo. Una volta i macellai (in Sicilia Carnezzieri) o meglio gli “strifizzari” (chi vendeva le carni da lui macellate), li vendevano crudi e chi li amava o chi NON poteva  permettersi la carne, li acquistava e li arrostiva (cosi’ vanno mangiati) a casa. Oggi si trovano solo arrostite vendute dall’odierno   “stigghiularo” per le strade di Palermo successore dell’antesignano “Buffittiere”  (venditore di cibo da strada).
Ne esistono di due tipi:
Quella di Palermo fatta di budella di agnello ben lavate, infilzate ad anse su uno spiedo di ferro;
Quello della provincia “Stigghiola viddàna”, molto ricercata, fatta con budelline di agnello e/o capretto ravvoltate attorno ad un pezzetto di cuore, fegato, rognone o altro interiore dell’agnello o capretto stesso.
Ingredienti:
Budellina di agnello e/o capretto;
Limoni;
prezzemolo;
cipolla scalogno;
sale e pepe q.b.

Tempo di prep.: circa 40 m. dipende dalla quantita';
Difficolta': media.
Lavate con molta attenzione le budellina in acqua corrente tagliatele in lunghezza aiutandovi con le forbici. Sgrassatele con abbondante succo di limone e quindi lavatele in acqua salata, sgocciolatele ed asciugatele.
Formate dei fastelli con i gambi prezzemoli e striscie di scalogno ravvoltoti con le striscie di budellina.  Avete fatto le “Stigghiuola”.
Preparate la brace e disponete una griglia sopra, ad una distanza di almeno 30 cm. e quando la brace sarà meno viva, disponete sulla griglia le stigghiuola. Fatele arrostire lentamente. Quando saranno ben cotte servitele ben calde spolverandole con sale e pepe. A molti piace semplicemente con sale e limone spremuto.
Torna ai contenuti