Iris fritte - Ricette siciliane di casa mia e no

Vai ai contenuti
Iris fritte con crema di ricotta
Storia-Origini-Delucidazioni
L’iris e' un cibo tipico della gastronomia palermitana e siciliana. Come produzione tipica siciliana, e' stata ufficialmente riconosciuta e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
L’origine del nome e' molto particolare. Il cavaliere del lavoro Antonio lo Verso, pasticcere palermitano creo' questo dolce in occasione della prima assoluta (1901) dell’opera Iris di Mascagni. La sua creazione e' diventata talmente famosa che indusse Antonio Lo Verso a cambiare il nome della sua caffetteria proprio in Iris. La caffetteria Iris da allora divenne un punto di riferimento per l’aristocrazia e la borghesia palermitana che lì si servivano per le proprie colazioni a base di caffe' ed appunto iris.
L’iris e' una preparazione fatta di pasta lievitata dolce fritta o al forno, con un impasto molto simile al krapfen. Nonostante sia dolce, viene annoverato tra i classici cibi da strada della cucina palermitana venedo gustato a tutte le ore da cittadini e turisti. L’iris e' una ciambella di forma tonda e senza buco avente un ripieno di crema di ricotta, zucchero, cioccolato fuso e pezzetti di cioccolato. Va consumata calda appena fritta o sfornata. Una certa diffusione ha anche una variante d’iris dalla forma di treccia. (Fonte Wikipedia)
Ingredienti per 8 Iris
8 brioche; latte q.b.; olio di arachidi per friggere; farina 00 q.b.; pangrattato q.b.; 400 gr. di ricotta di pecora; 100 gr. di cioccolato a scaglie o a goccia; 200 gr. di zucchero.
Preparazione
Possibilmente il giorno prima prepariamo la crema di ricotta;
Mettere la ricotta di pecora a sgocciolare in un colino, quindi setacciarla, mescolarla per bene in una terrina insieme allo zucchero, aggiungere le gocce di cioccolato e riporla in frigorifero per una notte.

Preparare l'Iris fritta e' molto semlice, basta prendere le brioche, meglio se del giorno prima (tanto quelle fresche praticamente li trovi solo in Sicilia), fare un foro e conservare il tappo, svuotare la brioche della mollica e bagnare l'interno con poco latte, riempire di crema di ricotta con le gocce di cioccolato, chiudere con il tappo che avevate tenuto da parte, preparare una pastella con latte e farina, passare le Iris nella pastella e nel pangrattato, friggere in abbondante olio di archidi. Sarebbe bene una volta preparate le Iris, farle riposare qualche oretta in frigo in modo che si rassodino e poi friggerle. Servire ben calde.
Iris fritta
Torna ai contenuti