"Frittedda" - Ricette siciliane di casa mia e no

Vai ai contenuti
"Frittedda"
Storia-Origini-Delucidazioni
Questa ricetta Sicilianissima  (Sicilia occidentale) non ha riscontro altrove. Il nome “frittedda” puo’ essere che derivi dal  latino tardo frixùra(m)=padella, visto che per prepararla si usa una grande padella.
Ingredienti per 6 persone
6-8 carciofi; 3 Kg. di fave fresche sgranate; 1 Kg. di piselli freschi sgranati; 1 cipolla; 60 ml. olio e.v.o.; sale e pepe q.b.; acqua; 4-5 foglie di menta.
Preparazione
Pulite i carciofi levando le brattee piu’ dure e cimando la punta in modo da togliete la parte con le spine e tagliateli a spicchi non troppo sottili (6-7 spicchi) . In un grande padella fate soffriggere con 30 ml. di olio la cipolla tritata e unire i carciofi, aggiungere il restante olio e unire le fave e per ultimo i piselli.
Salate, pepate e fate cuocere per 10 minuti aggiungendo, se occorre, acqua. A fine cottura aggiungete mezzo cucchiaio di aceto, un cucchiaino di zucchero e qualche foglia di menta.
Conservare in frigo la frittedda e servirla il giorno dopo.
"Frittedda" di carciofi fave e piselli
Torna ai contenuti