Spaghetti con le cozze alla tarantina - Le ricette di casa mia

Alcune ricette di casa mia
....siciliane e no.......
Vai ai contenuti
Spaghetti con le cozze alla tarantina
Solitamente chi prepara gli spaghetti con le cozze, apre i molluschi mettendoli in una capiente pentola a fuoco vivo e filtrandone (non tutti) l’acqua di cottura. Io penso che cosi’,  buona parte del “sapore di mare” viene perso.
Nella ricetta che spiego  piu’ sotto (che deriva dagli spaghetti con le cozze alla tarantina) “il sugo” viene preparato utilizzando i molluschi a crudo. Credetemi….  il sapore del preparato avra’ “il sapore di mare” e il gusto delle cozze lo sentirete in tutto il piatto, non solamente quando avete il mollusco in bocca.

Ingredienti per 4 persone:
400 gr di spaghetti;
1500 gr di cozze;
150 gr di pomodorini (dara’ un leggero colore rose’ alla pasta);
1-2 spicchio d’aglio;
un mazzetto di prezzemolo;
6 cucchiai di olio extra-vergine d’oliva;
sale (per la pasta);
mezzo bicchiere di vino bianco o spumante;
peperoncino – (facoltativo).

Preparazione:
Lavate le cozze e apritele con un coltello (esistono i coltelli appositi, ma potete usare un coltello qualsiasi) avendo cura prima di non farvi male (nel tarantino vendono le cozze gia’ pulite) e poi di raccogliere in una scodella sia il mollusco che l’acqua contenuta all’interno. In questo modo avrete anche la possibilita’ di scartare eventuali molluschi non buoni.
Mettete in una capiente padella l’olio, l’aglio e un po’ (se piace) di peperoncino.
Fate imbiondire l’aglio, unite i pomodorini tagliati a metà e fate cuocere per qualche minuto. Aggiungete i molluschi e il loro liquido, dopo un paio di minuto il vino bianco che farete sfumare e proseguite la cottura mescolando spesso per circa 15 minuti poi eliminate l’aglio (e il peperoncino) .
Cuocete la pasta in abbondante acqua non troppo salata, scolatela e fatela saltare nella padella contenente il sugo.
Distribuite la preparazione nei singoli piatti e spolverate con prezzemolo tritato .
Se volete, decorate con qualche cozza a cui avete lasciato le valve.
Torna ai contenuti